Logo della Provincia del Medio Campidano

Sardegna

Salta la barra di navigazione e vai ai contenuti

Eventi e manifestazioni

Luglio

Calendario degli eventi
L M M G V S D
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31

Tutti gli appuntamenti

Mostra “Le Macchine di Leonardo da Vinci”

locandina Mostra “Le Macchine di Leonardo da Vinci”

Comune: Barumini -
Data inizio: domenica 21 marzo 2010
Data fine: martedì 21 settembre 2010

Il Comune di Barumini e la Fondazione Barumini Sistema Cultura informano che a far data dal 21 Marzo 2010 sino al 21 Settembre 2010, il Centro di Comunicazione e Promozione del Patrimonio Culturale
“Giovanni Lilliu”, sito in viale Su Nuraxi a Barumini, ospiterà la  mostra “Le Macchine di Leonardo da Vinci”.
Il Curatore della Mostra, Gabriele Niccolai, appartiene alla famiglia del noto Carlo Niccolai, dalla cui passione giovanile, trasmessa poi a figli e nipoti, nasce la più grande collezione (PRIVATA) di macchine
di Leonardo da Vinci a livello mondiale. Dai disegni dei Codici Vinciani è stato possibile sviluppare, grazie all’abilità artigianale della famiglia Niccolai e alla documentazione storica, 150 modelli distinti tra loro, utilizzando materiali dell’epoca: legno, metallo, cordame, stoffe.
La fedele ricostruzione dei modelli è stata apprezzata dal professor Carlo Pedretti, Direttore del Centro “Armand Hammer” di Studi su Leonardo presso l’Università della California a Los Angeles e della sua Sede Europea presso l’Università di Urbino. Il supporto culturale del professor Pedretti nella collaborazione in questi anni è stato prezioso per il riconoscimento internazionale e il perfezionamento dei modelli riprodotti. Tale mostra espone circa 40 dei suddetti modelli, organizzati nelle seguenti sezioni:
- Macchine Militari: Cannone Navale, Carro Armato, Catapulta,
Scala Mobile, Draga, etc.;
- Macchine Civili: Ingranaggio a Lanterna, Alzacolonne, Catene,
Volano Piatto, Trivella Verticale, etc.;
- Macchine d’Aria: Inclinometro, Aliante, Paracadute, Deltaplano,
Vite Aerea, etc.;
- Macchine d’Acqua: Barca a Pale, Ponte Mobile, Biella, Gru
Brunelleschiana, Ponte Arcuato, etc.;
Una particolare cura è stata riservata all’aspetto della Multimedialità, ritenendo la fruizione multimediale una via privilegiata per un profondo coinvolgimento emotivo e cognitivo soprattutto dei Giovani: 12 di questi modelli sono interattivi, per es. il Ponte Arcuato; Cabinet multimediale touch screen con 60 modelli virtuali 3d; documentario DVD della History Channel (Italiano e Inglese) sulla vita di Leonardo; Totem con monitor 32 pollici completi di DVD per 60 modelli di macchine virtuali3d con sequenza continua.
Saranno presenti anche supporti tradizionali, mai obsoleti, quali pannelli didascalici che approfondiranno i molteplici temi d’interesse legati alla poliedrica figura di Leonardo: Pittura, Rinascimento,
Matematica, Volo, Ingegneria, Idraulica, Anatomia, etc.
L’inaugurazione della Mostra è prevista domenica 21 Marzo 2010, alle ore 17.30.
Alla presentazione interverranno il Sindaco del Comune di Barumini, Emanuele Lilliu, l’Assessore alla Cultura della Provincia del Medio Campidano, Rossella Pinna, ed è stata invitata a partecipare
l’Assessore alla Cultura della Regione Sardegna, Maria Lucia Baire.
Chiuderà gli interventi e illustrerà i punti chiave della Mostra, Sara Taglialagamba, storico dell’Arte dell’Università di Siena.

La mostra sarà visitabile tutti i giorni dalle ore 10.00 alle ore 19.00. Sono previsti servizi di visite guidate.
Per informazioni: tel 0709361041, e-mail fondazionebarumini@tiscali.it, web http://www.comunebarumini.it
(Fonte: Newsletter Serrentinforma n. 276 del 13 marzo 2010)


Barumini. Il centro culturale Lilliu (a due passi da Su Nuraxi) ospita una rassegna eccezionale
Leonardo sotto il nuraghe
Le macchine dell'inventore in mostra per 6 mesi


I modelli, costruiti con legno e corde, appartengono a una collezione privata, la più grande del mondo.
Il carro armato, il deltaplano, la gru e il cannone naval, sono stati i modelli più apprezzati dalle centinaia di persone che hanno inaugurato la mostra "Le macchine di Leonardo da Vinci: invenzioni di un genio". Oltre quaranta modelli ricostruiti fedelmente nei minimi particolari grazie ai disegni dei Codici Vinciani da cui appunto, è stato possibile svilupparli, utilizzando materiali esclusivamente dell'epoca: legno, metallo, cordame e stoffe. Tanto è lo stupore dei visitatori nell'ammirare le creazioni che Leonardo progettò e sviluppò oltre cinque secoli fa.
LA FAMIGLIA Da ieri il Centro culturale Giovanni Lilliu ospita una mostra di interesse nazionale a due passi dalla Reggia Nuragica. Il Comune di Barumini e la Fondazione Barumini Sistema Cultura riescono nell'impresa di portare in Marmilla la più grande collezione privata di macchine di Leonardo da Vinci a livello mondiale, appartenente alla famiglia di Carlo Niccolai. «E' un'ulteriore opportunità di sviluppo culturale e turistico -osserva il sindaco di Barumini Emanuele Lilliu- che offriamo alle decine di migliaia di turisti che ogni anno si recano a visitare Su Nuraxi, Casa Zapata e la Giara. Ma è anche un'opportunità occupazionale che proprio tramite la cultura, nella stessa Fondazione baruminese lavorano oggi sessanta giovani qualificati».
DISEGNI Negli ampi locali sono esposti oltre 40 modelli organizzati in diverse sezioni. Macchine militari: cannone navale, carro armato, catapulta, scala mobile, draga, ect. Macchine civili: ingranaggio a lanterna, alzacolonne, catene, volano piatto, trivella verticale, ect. Macchine d'aria: in clinometro, aliante, paracadute, deltaplano, vite aerea, ect. Macchine d'acqua: barca a pale, ponte mobile, biella, gru brunelleschiana, ponte arcuato, ect. Il Presidente della Provincia del Medio Campidano Fulvio Tocco aggiunge che: «Attraverso i Comuni e le Fondazioni riusciamo ad offrire ai turisti un pacchetto sempre più ampio, valorizzando attività artistiche, storiche, museali, minerarie, ambientali e termali. Barumini ne è un grande esempio».
L'ESPERTO Una particolare cura della mostra è stata riservata all'aspetto multimediale, rivolta soprattutto ai giovani, ma anche a supporti tradizionali quali pannelli didascalici che citano la figura di Leonardo, su pittura, rinascimento, matematica, volo, ingegneria, idraulica e anatomia.
La sua opera più famosa è senza dubbio "La Gioconda" insieme a L'ultima cena e la Vergine delle rocce. Ricco di particolari l'intervento di Sara Taglialagamba storico dell'Arte dell'Università di Siena: «Il genio Leonardo da Vinci nato nel 1452 e morto all'età di 67 anni, ha saputo mettere al servizio della collettività le proprie capacità tecniche, meccaniche e artistiche, raggiungendo spesso risultati innovativi, come ad esempio la macchina per il volo. Questa mostra può servire come cassa di risonanza per conoscere la figura alternativa a quella di pittore e scultore, offrendo la piena conoscenza dell'inventore, dell'ingegnere e dell'architetto». La mostra curata da Gabriele Niccolai resterà aperta tutti i giorni dalle 10 alle 19 sino al 21 di settembre.
(Fonte: L'Unione Sarda del 23 marzo 2010 articolo di CARLO FADDA)