Logo della Provincia del Medio Campidano

Sardegna

Salta la barra di navigazione e vai ai contenuti

Eventi e manifestazioni

Ottobre

Calendario degli eventi
L M M G V S D
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31

Tutti gli appuntamenti

3° Concorso Internazionale per solisti ed ensemble di fiati S.A.B.A. (sonus de acqua, de bentu de s'anima) “Premio Villacidro”

duo di tromba della sezione 1^ junior ensemble, composto da due bambine di 8 anni della Banda di Villacidro: Maria Aresti e Francesca Pittau, con il punteggio di 92.08/100, che oltre ad aggiudicarsi il 1° premio della sezione di appartenenza, hanno vinto il premio speciale “Emanuela Carta” della sezione Junior ed il “Trofeo S.A.B.A. Premio Villacidro”

Comune: Villacidro -
Data inizio: giovedì 30 aprile 2009
Data fine: venerdì 1 maggio 2009

La Banda Musicale S. Cecilia di Villacidro bandisce il 3° Concorso internazionale per solisti ed ensemble di fiati S. A. B. A. (sonus de acqua, de bentu de s’anima) “Premio Villacidro”. L’iniziativa si svolgerà a Villacidro nei giorni 30 aprile (pomeriggio) e 1 maggio (tutto il giorno) 2009. mentre nei giorni 2 e 3 maggio si svolgeranno due seminari per clarinetto e sax. Le iscrizioni scadono il 18 aprile 2009.

l’Associazione si avvale del patrocinio dell’Assessorato alla Cultura della Provincia del Medio Campidano, del Comune di Villacidro, Assessorati alla Cultura e Spettacolo e della collaborazione della Federazione delle Bande Sarde, del Tavolo Permanente delle Associazioni nazionale e di alcune ditte specializzate nel settore.
L’iniziativa è biennale in quanto si alterna con il Concorso Internazionale di percussioni.

Il Concorso è aperto a tutti i musicisti, non professionisti, di strumenti a fiato ed etnici della Sardegna, di tutte le nazionalità, che operano nelle Bande, nei Gruppi liberi, che frequentano Corsi delle Bande e di Strumenti Etnici, Conservatori, Scuole Civiche, Scuole Statali e non ad indirizzo musicale.
La giuria è internazionale ed composta da esperti di nei diversi settori. È presieduta da Chiara Vidoni, friulana, diplomata in clarinetto, laureata in lettere moderne ad indirizzo musicale e in direzione d’Orchestra Sinfonica e di Banda, Karl Holzner, austriaco, diplomato in clarinetto, direttore di diverse Scuole musicali e di importanti complessi musicali dell’Austria, Fabiano Cudiz, anch’esso friulano, diplomato in tromba, attualmente prima tromba del Teatro Carlo Felice di Genova e docente della classe di Tromba e Trombone presso il Conservatorio Musicale “G. F. Ghedini” di Cuneo, infine per la sezione degli strumenti etnici a fiato della Sardegna Luigi Lai, suonatore di launeddas, che spesso rappresenta la Sardegna nel mondo per la musica tradizionale. Ha diverse scuole di musica dove viene insegnato lo strumento. Ha al suo attivo diverse collaborazioni con importanti artisti di musica jazz.

Il concorso prevede 4 sezioni. La 1^ Junior riservata ai musicisti fino al 14° anno di età, la 2^ a tutti i musicisti compresi coloro che frequentano il 4° anno di conservatorio o non abbiano sostenuto l’esame di compimento, la 3^ ai diplomandi e diplomati, la 4^ ai musicisti di strumenti etnici della Sardegna.

Il concorso ha un monte premi del valore 5000 euro. È previsto il trofeo “Premio Villacidro” per il concorrente che avrà superato i 90/100. Nella sezione Junior è stata introdotta un importante novità con l’istituzione del premio “Emanuela Carta”, che andrà al piccolo musicista che avrà raggiunto i 90/100. Con questa iniziativa l’Associazione vuole ricordare la piccola flautista della Banda scomparsa improvvisamente nel luglio 2008. Una bambina di nove anni che oltre frequentare la Scuola di Musica faceva parte già dell’organico della Banda degli allievi “PrimArmonia” che ha lasciato un grande ricordo per l’impegno, la disponibilità e la serenità. Il premio è stato istituito in accordo con i genitori e per attestare ancora la sua presenza in mezzo a noi.

Affiancato al concorso sono previsti due seminari uno per clarinetto, docente Chiara Vidoni e uno per sax docente Alex Sebastianutto, giovane di 26 anni con un grande curriculum essendosi perfezionato con maestri di fama internazionale e ha al suo attivo collaborazioni con la “Philarmonica Veneta” e del Teatro Comunale di Trieste.

Risultati del Concorso
Si è concluso il 1° maggio, alle 19,00, alla presenza delle autorità, con la proclamazione dei vincitori nelle rispettive sezioni, e l’attribuzione dei trofei, il 3° Concorso Internazionale per solisti ed ensemble di fiati S. A. B. A. (sonus de acqua, de bentu de s’anima) “Premio Villacidro”.
A trionfare su tutti è stato il duo di tromba della sezione 1^ junior ensemble, composto da due bambine di 8 anni della Banda di Villacidro: Maria Aresti e Francesca Pittau, con il punteggio di 92.08/100, che oltre ad aggiudicarsi il 1° premio della sezione di appartenenza, hanno vinto il premio speciale “Emanuela Carta” della sezione Junior ed il “Trofeo S.A.B.A. PREMIO VILLACIDRO”. Il premio speciale “Emanuela Carta” , novità di questa edizione è stato riservato alla sezione Junior riservato ai bambini fino al 14° anno di età, per ricordare la flautista di 9 anni di Villacidro scomparsa circa un anno fa. I due premi vanno attribuiti a i concorrenti che conseguono un punteggio superiore ai 90/100.
Maria Aresti e Francesca Pittau frequentano con successo la Scuola di Musica della Banda dall’ età di 5 anni, da due anni fanno parte del gruppo d’insieme “PrimArmonia”, con cui hanno affrontato il pubblico con tre concerti, frequentano da tre anni il corso di approfondimento strumentale che si svolge ogni anno a Montarbu di Seui con docenti di grande esperienza. Tutte e due sono allieve del M° Marco Caboni, che oltre ad essere direttore della Banda di Villacidro, insegna ottoni nella Scuola di Musica della Banda.
I vincitori per le altre sezioni sono: Matteo Floris, 1^ sezione Junior solisti, con punti 91, 67/100 della Banda di Siliqua; nella sezione 2^ solisti è stato attribuito solo il secondo e terzo premio in quanto i concorrenti non hanno raggiunto il punteggio di 85/100, come richiesto da regolamento. Nella 2^ sezione ensemble ha trionfato il quartetto di flauti della Banda di Villacidro, composto da Elisabetta Mais, Valeria Murgia, Marina Onidi e Melissa Serra, tutte allieve della Scuola di Musica e nell’organico della Banda di Villacidro, seguite dalla M^ Silvana Marras. La 3^ sezione, diplomandi e diplomati a Conservatorio, ha visto Martina Cirronis, della Banda di Siliqua vincere il 1° premio col punteggio di 89,19/100. Nella 4^ sezione, strumenti etnici della Sardegna, per la categoria solisti ha vinto Graziano Montisci, della Scuola Civica di Cagliari con 87/100 e per la categoria ensemble il trio della Scuola civica di Capoterra composto da Salvatore Agus, Nicola Diana e Matteo Muscas con 85.45/100.

La terza edizione, secondo gli esperti, si è distinta per la notevole crescita tecnica ed artistica dei concorrenti e per il numero dei partecipanti.
Per una giornata e mezza, 30 aprile nel pomeriggio e l’intera giornata del 1° maggio, la Giuria presieduta da Chiara Vidoni, friulana, diplomata in clarinetto, laureata in lettere moderne ad indirizzo musicale e in direzione d’Orchestra Sinfonica e di Banda, e composta da Karl Holzner, austriaco, diplomato in clarinetto, direttore di diverse Scuole musicali e di importanti complessi musicali dell’Austria, da Fabiano Cudiz, anch’esso friulano, diplomato in tromba, attualmente prima tromba del Teatro Carlo Felice di Genova e docente della classe di Tromba e Trombone presso il Conservatorio Musicale “G. F. Ghedini” di Cuneo, e da Luigi Lai, suonatore di launeddas, che spesso rappresenta la Sardegna nel mondo per la musica tradizionale, ha ascoltato con attenzione 57 musicisti non professionisti, per lo più giovani suddivisi in 23 gruppi nelle quattro sezioni previste da Concorso
L’Associazione si avvale del patrocinio dell’Assessorato alla Cultura della Provincia del Medio Campidano, del Comune di Villacidro, Assessorati alla Cultura e Spettacolo, del Consorzio per lo Sviluppo Industriale di Villacidro e della collaborazione della Federazione delle Bande Sarde, del Tavolo Permanente delle Associazioni nazionale e di alcune ditte specializzate nel settore.

La prossima edizione è programmata per il 2011, finanziamenti permettendo, visto l’ondata di tagli proveniente dallo stesso comune che ospita l’iniziativa, che si presenta come unica in Sardegna e che si avvale di tecnici e giurati di fama internazionale e di grande esperienza.
Gli organizzatori si mostrano soddisfatti dei risultati ottenuti ma sono preoccupati per la continuità dell’esperienza. Il 2010 dovrebbe aver luogo la 5^ edizione del Concorso Percussioni, ma i dirigenti della Banda di Villacidro si mostrano perplessi anche per il futuro di questa iniziativa, che ha proiettato l’Associazione di Villacidro a livello internazionale. “Sinora le amministrazioni ci hanno sempre incoraggiato a fare iniziative di qualità e richiamo, creando a Villacidro un importante centro dell’attività musicale. Le notizie che ci arrivano dal bilancio comunale non sono incoraggianti e siamo molto preoccupati che la crescita culturale, artistica e d’immagine di questa Associazione possa interrompersi. Abbiamo all’attivo oltre 250 soci, 38 musicisti componenti l’organico della Banda, oltre 130 allievi che frequentano i nostri corsi di musica, con richieste che vengono anche da altri paesi, corsi di alta specializzazione (seminari, master specializzati per strumento ecc.) frequentati anche da musicisti provenienti anche da fuori Villacidro e abbiamo seri timori che questa grande realtà di cultura musicale possa fermarsi, con grave danno per il paese e per una associazione che conta 86 anni di attività e che è ben radicata nel paese L’associazione ha rappresentato Villacidro con dignità in Italia e all’estero, verso cui si sono estesi contattie collaborazioni. Sicuramente non staremmo con le mani in mano, assicurano i dirigenti, se ciò che si paventa dovesse avverarsi, faremmo i nostri passi per difendere una realtà che è vista bene e rispettata oltre Villacidro, che crea anche occasioni di lavoro per tanti giovani diplomati, che senza le nostre iniziative sarebbero allo sbando.”