Logo della Provincia del Medio Campidano

Sardegna

Salta la barra di navigazione e vai ai contenuti

Eventi e manifestazioni

Luglio

Calendario degli eventi
L M M G V S D
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31

Tutti gli appuntamenti

Anno internazionale della biodiversità

Locandina delle Giornate della Biodiversità

Comune: Montevecchio (Guspini) -
Data inizio: sabato 27 marzo 2010
Data fine: domenica 28 marzo 2010

L'11 gennaio, a Berlino, l'Onu ha ufficializzato che il 2010 è l’anno internazionale della biodiversità. Dopo il clima, l’attenzione viene spostata su un’altra emergenza che ci coinvolge da vicino, la salvaguardia delle specie che abitano il pianeta.
Il Consiglio di Città del Bio, riunitosi nei giorni 12 e 13 febbraio a Sanluri, nella Provincia del Medio Campidano, ha confermato la scelta di dedicare al tema della biodiversità un apposito evento, interamente dedicato all’argomento. Un’occasione d’incontro tra chi opera per la salvaguardia di questo prezioso patrimonio, di conoscenza delle diverse esperienze, di discussione e di confronto tra i protagonisti, di proposta e di iniziativa, ma anche di festa.

L’evento si svolgerà nei giorni 27 e 28 marzo prossimi e lo scenario che accoglierà i partecipanti sarà quello della Provincia del Medio Campidano ricco di diversità a partire dalle sue aree (mare, montagna, pianura, e collina) e nella conseguente varietà dei suoi prodotti, ottenuti in una delle zone meno antropizzate e più salubri dell’isola.
Il Medio Campidano è uno scrigno di biodiversità e conserva un ricco patrimonio di specie vegetali e animali a rischio di estinzione: dalla flora spontanea, agli animali che vivono allo stato brado (i famosi cavallini che corrono liberi nell’altopiano della Giara), oppure specie di interesse zootecnico, come il maiale di razza sarda, la pecora nera, la pecora sarda “forresa”. Altrettanta attenzione meritano le specie vegetali, come il carciofo spinoso, lo zafferano, il melone in asciutto e i legumi che sono tornati alla ribalta grazie all’impegno di oltre mille agricoltori che hanno condiviso il progetto “Vivere la Campagna”. Detto progetto si propone di valorizzare le biodiversità animali e vegetali del territorio, l’agricoltura è vita e l’agricoltore è oggi una figura strategica per la conservazione della biodiversità.
All’appuntamento saranno invitati i Sindaci delle Città del Bio di lingua tedesca, ai cittadini delle quali la Provincia e Città del Bio offriranno la possibilità di scoprire e conoscere i tesori di biodiversità che il territorio della Provincia ancora custodisce. Ai cittadini che risiedono nelle Città del Bio di lingua tedesca e che visiteranno la Provincia del Medio Campidano, verrà garantito l’accompagnamento di una “guida naturalistica” per conoscere i percorsi della biodiversità del Medio Campidano, oltre a materiale informativo in lingua tedesca. L’offerta sarà contenuta in un apposito protocollo di intesa che Città del Bio e Provincia del Medio Campidano sottoscriveranno in occasione dell’incontro organizzato dalla Città di Norimberga per presentare ai Sindaci della Regione Metropolitana di Norimberga il progetto delle Città del Bio.
Per la riunione, si sono già prenotati i Sindaci di oltre 40 comuni, che, dopo il convegno presso il Palazzo del Comune, parteciperanno al “convivium” che si svolgerà presso “Mobile Kochkunst” (scuola di cucina nel centro storico di Norimberga), per assaggiare piatti della tradizione franco-italiana.
La conservazione della biodiversità è strettamente collegato alle scelte di gestione del territorio. Un territorio, se ben conservato, diventa ricco e sensibile dal punto di vista naturalistico, ma anche economicamente competitivo grazie alla intelligente valorizzazione delle sue caratteristiche proprie. L’agricoltura biologica, i prodotti tipici e l’imprenditoria di qualità quindi, come quella legata al turismo ambientale, offrono una irrinunciabile opportunità sia per la crescita dell’occupazione che per l’aumento del patrimonio di biodiversità.
Per ricostruire un sistema economico che sia sostenibile, fondato sulla ricchezza endogena dei territori, occorre rimettere al centro dell’interesse l’agricoltura e gli “agri - tutori”, i moderni agricoltori del terzo millennio, in un progetto che comprenda anche le attività di turismo “lento e anch’esso sostenibile”.

Tutte le notizie sull’appuntamento entro breve sui siti web:

www.provincia.mediocampidano.it e www.cittadelbio.it