Logo della Provincia del Medio Campidano

Sardegna

Salta la barra di navigazione e vai ai contenuti

Eventi e manifestazioni

Ottobre

Calendario degli eventi
L M M G V S D
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31

Tutti gli appuntamenti

Conferenza: “ A cosa servivano i nuraghi?”

nuraghe

Comune: Villanovaforru -
Data inizio: sabato 25 settembre 2010
Data fine: sabato 25 settembre 2010

In occasione delle Giornate Europee del Patrimonio 2010, organizzate dalla Direzione Regionale MiBac, il Comune di Villanovaforru ed il Civico Museo Archeologico "Genna Maria" aderiscono all'iniziativa con una conferenza del Direttore del Museo e del Parco Archeologico Dott. Mauro Perra intitolata "A cosa servivano i nuraghi? Dal dato archeologico all’interpretazione della funzione delle torri nuragiche". La conferenza è rivolta ad un vasto pubblico che non sia esclusivamente quello degli addetti ai lavori, ovvero degli archeologi, e si terrà nei locali della Biblioteca Comunale sabato 25 settembre alle ore 17,30.

A partire dal secolo XIX della nostra era ci si è spesso domandati quale fosse la funzione dei nuraghi, cioè delle torri preistoriche della Sardegna. Le risposte a questo interrogativo sono state varie e talora anche piuttosto stravaganti. Templi, tombe, prigioni, torri di avvistamento dei fenomeni celesti o fortezze?
L’archeologia contemporanea, con le sue metodiche e strategie di analisi che coinvolgono le scienze naturali, biologia, fisica e chimica fra le altre, consente di interpretare fenomeni complessi come quello del proliferare sul suolo sardo, in un periodo compreso fra XVI e XIII secolo a.C., delle torri nuragiche. Tale approccio si differenzia e si propone comescientificamente corretto in confronto al diffondersi di pseudo teorie che tentano di affascinare il vasto pubblico avanzando ipotesi non suffragate dal dato scientifico. Il metodo scientifico non può essere ignorato nel momento in cui ci si pone degli interrogativi su di un fenomeno che scientificamente può e deve essere indagato anche nelle espressioni della vita quotidiana e nella valenza simbolica di migliaia di monumenti che hanno segnato e segnano il paesaggio isolano. Le risposte a tali interrogativi hanno l'effetto di moltiplicarli implicando il lavoro e l'impegno delle future generazioni di archeologi della Sardegna.