Logo della Provincia del Medio Campidano

Sardegna

Salta la barra di navigazione e vai ai contenuti

Eventi e manifestazioni

Ottobre

Calendario degli eventi
L M M G V S D
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31

Tutti gli appuntamenti

XIII Edizione della “Settimana della Cultura” - “In giro per Ingurtosu e dintorni”

XIII Edizione della “Settimana della Cultura” - “In giro per Ingurtosu e dintorni”

Comune: Arbus -
Data inizio: sabato 9 aprile 2011
Data fine: domenica 10 aprile 2011

Anche il territorio minerario arburese sarà coinvolto dalle iniziative previste dalla "XIII Settimana della Cultura" promossa dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturali. La manifestazione è prevista ad Arbus per i giorni 9 e 10 aprile 2011 ed è intitolata "In giro per Ingurtosu e dintorni" e prevede una visita guidata gratuita ai diversi siti di importanza storica e culturale del compendio minerario che si affaccia nello straordinario paesaggio che dalle aree minerarie arriva fino alle dune di Piscinas. Verrà visitata Villa Idina, residenza del Presidente della Società Mineraria Lord Brassey, la Diga Bornnermann di Pitzinurri, la Via Crucis e la Chiesa di Santa Barbara, l'ex Ospedale, l'ex Scuola Elementare, il Palazzo della Direzione, il cantiere minerario di Pozzo Gal, la Laveria Pireddu e quella di Naracauli. Per gli interessati l'appuntamento è alle ore 8:45 in località Pitzinurri sia sabato 9 che domenica 10 aprile. L'evento è organizzato dalle associazioni Naracauli Escursioni e Zampa Verde col patrocinio dell'Assessorato alla Cultura del Comune di Arbus, in collaborazione con Regione Autonoma della Sardegna e col Parco Geominario Storico e Ambientale della Sardegna.


Cronologia storica

Il primo documento nel quale si fa specifica menzione delle miniere dell’Arburese risale al 20 maggio 1614, data in cui fu accordata la con¬cessione generale per scavare minerali, per il tempo di 30 anni, dalle montagne di Oristano fino a Teulada, al cagliaritano Martino Squirro.
1829 - La miniera di Ingurtosu fu scoperta e denunziata da un fab¬bro di Arbus, mentre alcuni anni prima, un prete di Guspini faceva scavare clandestinamente della galena, fondendola sul posto e fa¬cendo credere ai suoi compaesani ch’egli si recava spesso ad Ingur¬tosu per raccomandare le anime dei defunti, d’onde ebbe origine il nome “Valle delle anime” o altrimenti detta “Is animas”. I lavori più antichi erano invece praticati nelle valli di Sa Spina e Casargiu.

1840 - Il 30.6.1840 Carlo Alberto promulgò la legge che definiva il sottosuolo “res nullìus”, applicata nell’isola nel 1848, legge che rappresentò il presupposto indispensabile per la rinascita delle miniere sarde.

1858 - Fu fatta la dichiarazione di scoperta della Miniera di Ingurtosu.

1870 - Il 7 marzo 1870, a Parigi, la “Société Civile des Mines de Plomb Argentifère de Gennamari et d’Ingurtosu” e l’ingegnere Felix Dumont Lamarche costituirono la “Société Anonyme des Mines de Plomb Argentifère de Gennamari et d’Ingurtosu” con sede socia¬le a Parigi e capitale di 3.000.000 di franchi per la durata di 50 anni.
Subito dopo a Ingurtosu cominciò la costruzione del Palazzo della Dire¬zione detto “Il Castello” – grossolana imitazione del Castello di Wartburg (XI° sec.) ad Eisenach, dove a suo tempo trovò rifugio Martin Lutero.

1889 - Nel mese di gennaio la Miniera di Ingurtosu fu dotata a spese della Società Mineraria d’una scuola elementare mista per i figli degli operai.

1893 - Costituzione a Londra della Società di Pertusola Ltd, che aveva rilevato dalla G. Henfrey e C. Usine de Pertusola l’omonima fonderia di La Spezia e le miniere che essa possedeva in Sardegna.

1899 - Nel mese di aprile le miniere di Gennamari-Ingurtosu furono acquistate con tutte le altre concessioni, permessi, terreni e fabbri¬cati, dalla famiglia Brassey di Londra. Presidente della Società era Thomas Alnutt Brassey.
1900 - Durante l’anno fu messa in marcia la laveria meccanica denominata Brassey.

1901- Venne incominciata la costruzione del nuovo Ospedale.
Si iniziarono due nuovi pozzi, il Pozzo Lambert, in prossimità della laveria di Naracauli ed il Pozzo San Giorgio nel cantiere di Pinnadeddu.

1916 – Si inaugura la Chiesa dedicata a Santa Barbara, Patrona dei minatori.

1919 - Il 12 novembre 1919 moriva a Londra Lord Brassey.

1921 - Iniziarono i lavori di scavo del nuovo pozzo d’estrazione principale chiamato Gal in memoria di Paul Gal deceduto nel 1922.

1926 - Il 1° gennaio 1926 la laveria “Pireddu” fu messa in marcia.

1930 - L’ing. Paul Audibert applicò nelle miniere di Ingurtosu “l’or¬ganizzazione scientifica del lavoro” il sistema Bedaux .
Il cottimo “Bedaux” rappresentava il sistema di sfruttamen¬to scientifico dei lavoratori. Questo sistema di lavoro si ba¬sava sul cronometraggio della quantità di lavoro che un ope¬raio compiva, con uno certo sforzo, in un minuto primo.Nelle miniere di Montevecchio e di Ingurtosu veniva chiamato “60 di passo”.

1940 - Nel giugno del 1940 con lo scoppio della guerra molti lavoratori vennero chiamati alle armi e molti lavori dovettero essere sospesi.

1948 - Dopo la guerra verrà rivoluzionato il trasporto del minerale con l’uso di autocarri anziché su rotaie e sempre nello stesso anno si iniziò a perforare ad acqua. Le nuove perforatrici ad acqua per¬misero di abbattere la polvere di silice che tanti morti aveva fatto in passato e furono installati degli aspiratori per il ricambio dell’aria nel sottosuolo.

1953 - L’occupazione segna una forte diminuzione in seguito alla parziale meccanizzazione dei lavori e i pezzi calano sul mercato, le ricerche effettuate non sempre danno esito favorevole dando segni di esaurimento del filone.

1968 - Durante il 1968 a causa dell’ennesima caduta dei prezzi del metallo la miniera è definitivamente chiusa.