Logo della Provincia del Medio Campidano

Sardegna

Salta la barra di navigazione e vai ai contenuti

Eventi e manifestazioni

Novembre

Calendario degli eventi
L M M G V S D
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30

Tutti gli appuntamenti

L'Associazione culturale l'Aquilone di Viviana presenta “Schinepisci”

Teatro di Serrenti

Comune: Serrenti -
Data inizio: sabato 7 febbraio 2009
Data fine: sabato 7 febbraio 2009

L'Associazione culturale l'Aquilone di Viviana sabato 7 febbraio presso il Teatro comunale di Serrenti presenta il progetto teatrale SCHINEPISCI Interior design of Sardinnia's poets. Il progetto prevede la regia di Ilaria Nina Zedda ed è co-prodotto dal Comune di Serrenti.


La regista Ilaria Nina Zedda così presenta il lavoro di Schinepisci.
Schinepisci è concepito con l'intento di rappresentare la realtà dei giovani sardi, che non è poi tanto diversa da quella dei giovani di tutto il mondo: il problema diffuso dell'alcool, della cocaina, come diversivo per sfuggire al vuoto storico e sociale del nostro tempo globalizzato, si scontra con l'immaginario statico e imperituro della vita nell'isola. Da questo vuoto "reale" il giovane si rifugia nel pieno "virtuale" di internet: my space, chat e giochi di ruolo, diventano i luoghi più frequentanti dai giovani.
La poesia è la forma più alta di comunicazione, in questo senso Schinepisci è un viaggio attraverso la poesia: da San Francesco a Dante, dalla poesia campidanese al rap sardo, il materiale testuale dello spettacolo è prettamente poetico, anche quando usa un linguaggio gergale come lo slang cagliaritano che allude allo sforzo compiuto in narrativa da Sergio Atzeni.
L'altro linguaggio usato è la musica: la realtà contemporanea e soprattutto quella dei giovani è creata incessantemente attorno alla musica che influenza il linguaggio fisico e verbale dei giovani, il modo di pensare e di scegliere continuamente, come in un film, la colonna sonora adeguata.
Ma esiste una profonda differenza tra la musica usata in qualità di "arredamento sonoro" e la musica che nasce da radici profonde e che permea un intero popolo: basti pensare che l'etnomusicologo Ortab Jacob definisce l'isola un continente musicale per via dell'immenso patrimonio sonoro presente in Sardegna e che pian piano sta scomparendo. I sogni hanno a che vedere coi desideri profondi. Schinepisci è un sogno che ci siamo permessi di realizzare, ed il nostro desiderio è che i giovani attraverso questo confronto teatrale ritrovino le speranze e le idee per poter realizzare i propri."