Logo della Provincia del Medio Campidano

Sardegna

Salta la barra di navigazione e vai ai contenuti

Eventi e manifestazioni

Novembre

Calendario degli eventi
L M M G V S D
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30

Tutti gli appuntamenti

Serrenti. 6 Febbraio. Presentazione del libro di Fulvio Tocco "Gianfranco Dettori. Un uomo - a - cavallo"

Presentazione del libro di Fulvio Tocco "Gianfranco Dettori. Un uomo - a - cavallo"

Comune: Serrenti -
Data inizio: sabato 6 febbraio 2010
Data fine: sabato 6 febbraio 2010

L'Associazione Imparis sabato 6 febbraio 2010 alle 17,30 presso i locali dell'ex Mattatoio in via Nazionale 270 a Serrenti, presenta il libro di Fulvio Tocco "Gianfranco Dettori. Un uomo - a - cavallo"
L'appuntamento è inserito nell'ambito della rassegna “Autunno d'Autore: un paese da sfogliare - rassegna letteraria dedicata agli scrittori serrentesi”, organizzata dal Comune di Serrenti, in collaborazione con il Sistema Bibliotecario Joyce Lussu.
Il libro, scritto dal Presidente dela Provincia del Medio Campidano Fulvio Tocco, è stato pubblicato da Carlo Delfino Editore.

Interverranno:
Luca Becciu, Sindaco del Comune di Serrenti
Franco Siddi, Segretario Nazionale della stampa italiana
Paolo Pillonca, Giornalista e scrittore
Maurizio Tancredi, Capo redattore del “Il Medio Campidano”
Coordinerà la presentazione del libro Leo Talloru, Assessore della cultura del comune di Serrenti.

L’anteprima del libro è stata presentata con successo, da Carlo Delfino editore, il 16 maggio 2009 alla Fiera del libro di Torino con gli interventi dell’autore, dell’editore, del personaggio Dettori, dei giornalisti della stampa specializzata nazionale, e degli esperti di cultura identitaria Diego Satta e Giorgio Murru.
Il libro, scritto con un cuore tutto sardo, presenta la storia vera di Gianfranco Dettori, ma è, soprattutto, un romanzo liberamente ispirato. “Questo libro è un omaggio ad un uomo che ha rappresentato la Sardegna
nel mondo in uno degli sport più popolari ed identitari dell’isola. Egli divenne, per una fortunata circostanza della vita, un eroe leggendario delle corse al galoppo. Per il talento dimostrato e per la facilità di conquistare il palo bianco della vittoria è stato, dai suoi tifosi più vicini, soprannominato il mostro.
Quest’uomo è Gianfranco Dettori”. La sopraccitata descrizione è messa in bella mostra nell’ultima di copertina per ridare vita alle gesta del grande campione che ha lascito l’attività agonistica nell’anno 1992.
Nella sua lunga carriera sportiva, durata ben 32 anni, ha infiammato cronache e pubblico. Il suo debutto ufficiale è avvenuto alle Capanelle nel 1960.
Alla fine della carriera le vittorie di Gianfranco, sono risultate 3.798 su un totale di 13.128 corse. Nel 1982 chiude l’anno con 229 vittorie, nessun fantino lo aveva mai fatto prima di lui. Per tredici anni è stato il capolista indiscusso dei fantini italiani.
Soltanto Enrico Camici, il fantino del gigantesco Ribot, ha vinto più di lui. L’estate la trascorre in Sardegna nel comune di Sant’Anna Arresi, dove la sua casa si trasforma in una sorta di asilo a cinque stelle per ospitare i figli di Lanfranco, suo figlio, più tanti altri bambini inglesi, e l’inverno invece nella parte meridionale del Marocco, nell’accogliente città di Agadir.
La sua presenza nell’isola lo ha fatto passare inosservato alle nuove generazioni, fino a questi ultimi anni, quando le gesta sportive dal figlio Lanfranco hanno rinverdito il ricordo della sua gloria. “Ho conosciuto
Gianfranco, dice Fulvio Tocco, in modo semplice, quasi naturale direi, come possono conoscersi due uomini che hanno una simile passione, e che a partire da questa, scoprono di avere in comune molte altre
cose: l’amore per la propria terra, per l’identità del proprio popolo e, sopratutto una comune visione della vita e dell’etica che deve animarla, sia che si scelga di essere uno sportivo, sia che si faccia una qualsiasi
altra cosa”. Questa è la storia autentica del loro incontro raccontata in un libro, di facile lettura, che restituisce il senso e l’atmosfera dell’ippica italiana degli anni settanta e ottanta e della quale un sardo, nato a Serramanna, era un protagonista vero.
(Fonti: Serrentinforma newsletter n.269 dell'1 febbraio 2010 - La Gazzetta del Medio Campidano del 25 ottobre 2009 articolo di Barbara Pilloni)

(Consulta la Versione in Lingua Sarda)
Serrenti. 6 de Friàrgiu. Presentada de su lìburu de Fulvio Tocco "Gianfranco Dettori. Un uomo - a - cavallo"
Comunu: Serrenti -
Dii de inghitzu: sàbudu su 6 de Friàrgiu 2010
Dii de acabu: sàbudu 6 de Friàrgiu 2010


S’Assòtziu Imparis sàbudu 6 de Friàrgiu 2010 a is cincu e mesu de a merii in su ex Mattatoio in bia Nazionale 270 in Serrenti, presentat su lìburu de Fulvio Tocco "Gianfranco Dettori. Un uomo - a - cavallo".
S’atòbiu ddu ant introdùsiu in s’arrassinna “Autunno d'Autore: un paese da sfogliare - rassegna letteraria dedicata agli scrittori serrentesi”, apariciada de su Comunu de Serrenti, impari a su Sistema Bibliotecario Joyce Lussu.
Su lìburu, scritu de Fulvio Tocco su Presidenti de sa Provìntzia de su Campidanu de Mesu, ddu at imprentau sa Carlo Delfino Editore.

Ant a interbenni:
Luca Becciu, Sìndigu de su Comunu de Serrenti
Franco Siddi, Segretàriu Natzionali de is giorronalistus italianus
Paolo Pillonca, Giorronalistu e scridori
Maurizio Tancredi, Cabu-arredatori de su “Il Medio Campidano”
At a ghiai sa presentada de su lìburu Leo Talloru, Assessori a sa cultura de su Comunu de Serrenti.

Su lìburu ddu iat giai presentau sa Carlo Delfino Editore su 16 de Maju de su 2009 cun agradessimentu mannu de sa genti, in sa Fiera de su lìburu de Torino cun is interbentus de s’autori, de s’imprentadori, de Dettori etotu, de is giorronalistus de s’imprenta natzionali spetzialisada, e de is spertus de sa cultura identitària Diego Satta e Giorgio Murru.
Su lìburu, scritu cun d-unu coru totu sardu, presentat sa stòria scheta de Gianfranco Dettori, ma est, pruschetotu, un’arromanzu pensau de manera lìbera. “Questo libro è un omaggio ad un uomo che ha rappresentato la Sardegna nel mondo in uno degli sport più popolari ed identitari dell’isola. Egli divenne, per una fortunata circostanza della vita, un eroe leggendario delle corse al galoppo. Per il talento dimostrato e per la facilità di conquistare il palo bianco della vittoria è stato, dai suoi tifosi più vicini, soprannominato il mostro. Quest’uomo è Gianfranco Dettori”.
Sa descritzioni, nomenada a primìtziu, dda ant posta a scioru in s’ùrtima pàgini de sa copertina po torrai a fai bivi is cosas stravanadas fatas de su grandu campioni chi at lassau s’atividadi agonìstica in su 1992.
In sa carriera sportiva sua longa, de 32 annus, at amachiau crònacas e genti. Sa prima cursa ofitziali dda at fata in is Capanelle in su 1960.
A s’acabu de sa carriera is bincidas de Gianfranco, funt arresurtadas 3798 apitzus de 13.128 cursas.
In su 1982 serrat s’annu cun 229 bincidas, perunu cuadderi nci fiat arrennèsciu innantis de issu. Po trexi annus fiat, chena de dudas, su primu de is cuadderis italianus.
Sceti Enrico Camici, su cuadderi de Ribot, mannu sceti, at bintu prus de issu. S’istadi dda passat in Sardìnnia in su Comunu Sant’Anna Arresi, aundi sa domu sua si mudat in d-un’asilu a cincu steddus po spidai is fillus de Lanfranco, fillu suu, in prus àterus pipus ingresus medas, e in s’ierru invècias in sa parti de giossu de su Marocu, in sa tzitadi de Agadir.
Su de essi innoi in Sardìnnia no ddu at fatu connosci a is giòvunus, finsas a oindii, candu is cosas stravanadas fatas de su fillu Lanfranco at arregordau torra sa glòria sua. “Ho conosciuto Gianfranco, dice Fulvio Tocco, in modo semplice, quasi naturale direi, come possono conoscersi due uomini che hanno una simile passione, e che a partire da questa, scoprono di avere in comune molte altre cose: l’amore per la propria terra, per l’identità del proprio popolo e, sopratutto una comune visione della vita e dell’etica che deve animarla, sia che si scelga di essere uno sportivo, sia che si faccia una qualsiasi altra cosa”. Custa est sa stòria sintzilla de s’atòbiu insoru contada in d-unu lìburu, fatzili a ligi, chi fait cumprendi su sentidu e su mundu de s’ipica italiana de is annus setanta e otanta ca unu sardu nàsciu in Serramanna fiat unu protagonista sintzillu.
(Fonti: Serrentinforma newsletter nr.269 de su primu de Friàrgiu - La Gazzetta del Medio Campidano de su 25 de su mesi de Ladàmini 2009 artìculu de Barbara Pilloni)