Logo della Provincia del Medio Campidano

Sardegna

Salta la barra di navigazione e vai ai contenuti

Eventi e manifestazioni

Agosto

Calendario degli eventi
L M M G V S D
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31

Tutti gli appuntamenti

XXVII Festival internazionale Nuova Danza - La compagnia Esse P.A. presenta “Angelo X Cristiano”

Angelo X Cristiano

Comune: Serrenti -
Data inizio: venerdì 4 dicembre 2009
Data fine: venerdì 4 dicembre 2009

Venerdì 4 dicembre la Compagnia Esse P.A. presenterà a Serrenti presso il Teatro Civico (ore 21) “Angelo X Cristiano”, una coreografia ispirata alla fotografia di Francesca Woodman, fotografa americana che
verso la fine degli anni ’70 ebbe un’intensissima attività creativa, prima di porre fine alla sua vita all’età di 23 anni: una performance per corpi, videoproiezioni e cibo, di grande impatto emotivo.
Nelle sue immagini la Woodman aveva impresso tutto ciò che sentiva, conferendo quelle atmosfere suggestive ad ambienti spogli e squallidi, avvolgendoli di un’emozione estetica che scavava dentro di lei, che
mostrava al mondo com’era fatta dentro quel corpo che talora ostentava e talora celava. Nelle fotografie raffigurava i suoi incubi e le sue paure, gli spettri che la inseguivano. Attraverso l’arte credeva di avere trovato la via d’uscita. È per questo motivo che la Woodman fotografava se stessa: erano le sue sensazioni, le sue esperienze, le sue emozioni interiori che comunicava, erano la solitudine, il terrore di scomparire, di essere abbandonata che voleva rendere noti. La nudità esibita era un altro mezzo per segnalare quella sua impotenza davanti al mondo, davanti a una società che macina ogni cosa velocemente.
Nello spettacolo due donne (Alessandra Luberti e Simona Malato), due corpi che esprimono paure, ansie, ma anche desiderio di rialzarsi, di reagire. Non sono personaggi definiti, ma figure rese eterne ed
eteree, nonostante la loro imponente fisicità, dal loro essere indefinite, prive di connotati legati al contingente ed al particolare. I corpi si trascinano a terra, tra pause e movimenti rapidi. Giocano con oggetti, che diventano ulteriori strumenti per intervenire sullo spazio e sul proprio corpo: la macchina fotografica è sempre presente, le due danzatrici si scambiano di volta in volta il ruolo di fotografa ed oggetto, in un tentativo estremo e continuo di restare e lasciare una testimonianza delle proprie azioni.
Per informazioni
070/8564987 - info@festivalnuovadanza.it
http://www.festivalnuovadanza.it
(Fonte Newsletter Serrentinforma n. 254 del 2 dicembre 2009)