Logo of the Province of Middle Campidano

Sardegna

Salta la barra di navigazione e vai ai contenuti

Eventi e manifestazioni

Dezember

Calendario degli eventi
L M M G V S D
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31

Alle Highlights

Seconda edizione del Concorso “Sa lingua de is sonus – la lingua dei suoni –“

Bonogli Giuseppe Nicolò

Comune: Villacidro -
Data inizio: Dienstag, 8. Dezember 2009
Data fine: Dienstag, 8. Dezember 2009

Il 7 e 8 dicembre 2009 si svolgerà la seconda edizione del Concorso “Sa lingua de is sonus – la lingua dei suoni –“ per n. 3 borse di studio riservate ai musicisti non professionisti nati o operanti nel territorio della provincia del Medio Campidano. L’iniziativa è finanziata dall’Assessorato alla Pubblica Istruzione e Cultura della Provincia, che, in questo modo, offre la possibilità ai primi tre classificati di approfondire gli studi musicali presso Conservatori di buon livello in un paese europeo. Una giuria composta da esperti, l’olandese Jo Conjaerts, l’austriaco Karl Holzner e l’italiana Chiara Vidoni ascolterà e giudicherà i concorrenti.
L’iniziativa si svolgerà nella palestra della Scuola Media di via Stazione.
Gli appuntamenti sono inseriti nell'ambito della "Piccola stagione musicale"  eventi musicali che animeranno le serate di novembre e dicembre 2009 a Villacidro, organizzata dalla Banda Musicale S. Cecilia e Coro Polifonico “Città di Villacidro”. Le manifestazioni sono dedicate quest’anno a Loredana Boi, dirigente e corista, recentemente scomparsa. Le manifestazioni sono sostenute dalla Provincia del Medio Campidano, dal Comune di Villacidro, da Consorzio di Sviluppo Industriale di Villacidro e dalla collaborazione di tanti privati e soci.

 Comunicazione variazione sede svolgimento evento:

La Banda Musicale S. Cecilia comunica che la seconda edizione del Concorso “Sa lingua de is sonus – la lingua dei suoni –“ per n. 3 borse di studio riservate ai musicisti non professionisti nati o operanti nel territorio della Provincia del Medio Campidano si svolgerà nella sola giornata di martedì 8 dicembre 2009, nella Sala del Consiglio Provinciale, sita a Villacidro in via Parrocchia. Le prove avranno inizio alle ore 9.00 e si concluderanno alle ore 12.30, mentre la premiazione è prevista per le ore 13,00.
Pertanto la palestra della Scuola Media di via Stazione, indicata inizialmente come luogo della manifestazione, non verrà utilizzata per l’occasione.
La sala del Consiglio Provinciale è stata messa a disposizione dalla presidente del Consiglio Provinciale Giuseppa Unida, in quanto si tratta di una iniziativa interamente finanziata dalla Assessorato provinciale alla Pubblica Istruzione e Cultura . Saranno presenti 13 concorrenti provenienti da diverse realtà della provincia: saranno presenti 3 trombe, 1 clarinetto, 1 clarinetto basso, 3 flauti, 2 tromboni,1 percussionista, 1 chitarra, 1 arpa.
I musicisti provengono da Villacidro, Banda e Scuola di Musica, Sanluri, Samassi e Villamar. Ogni concorrente ha a disposizione dai sei ai dieci minuti di tempo per la prova, che sarà sostenuta di fronte ad una giuria internazionale, composta dall’olandese Jo Conjartes, referente presso le Scuole di Musica Europee Convenzionate, dall’austriaco Karl Holzner, e dall’italiana Chiara Vidoni. I vincitori vinceranno il valore di 1.800 € da spendere per soggiornare una settimana presso una scuola di musica di un paese europeo, di buon livello, per l’approfondimento strumentale seguiti da docenti altamente qualificati. La somma soddisfa le spese di viaggio, soggiorno e costi della docenza.
L’iniziativa la seconda in Sardegna, ma unica come progetto a carico di una provincia e unica in Italia è indirizzata ai musicisti non professionisti che sono nati o operano nelle Associazioni musicali del territorio provinciale. Il progetto è stato ideato dalla Banda di Villacidro che ne cura tutta l’organizzazione. Il numero dei partecipanti è cresciuto rispetto alla scorsa edizione e sono più numerosi i paesi di provenienza. Questo a significare che la scelta è valida e prospette una buona occasione ai musicisti non professionisti non solo per favorire la loro crescita culturale ma anche quella delle associazioni di provenienza.

(Consulta la versione in Lingua sarda)
Cuncursu po tres bussas de stùdiu “Sa Lingua de is sonus” – la lingua dei suoni
lunis su 7 de mesi de Idas 2009 - BANDA SANTA CECILIA

Sa Banda Musicale S. Cecilia fait sciri ca sa segundu editzioni de su Cuncursu “Sa lingua de is sonus – la lingua dei suoni“ po tres bussas de stùdiu po sonadoris no professionistas nàscius o chi oberant in su territòriu de sa Provìntzia de su Campidanu de Mesu, s’at a fai totu in sa dii de martis su otu (08) de su mesi de Idas de su 2009, in s’Aposentu de su Consillu Provintziali, chi est in Biddexidru in bia Parrocchia.
Is proas ant a cumentzai a is noi de a mangianu e ant a acabai a mesudii e mesu, in s’interis sa premiatzioni dda faeus a sa una.
Po custa arraxoni sa palestra de sa Scola Mesana de bia Stazione, inditada a s’inghitzu che a logu de sa manifestada, no at a essi imperada po custa arrassina.
S’aposentu de su Consillu Provintziali ddu ponit a dispositzioni Giuseppa Unida sa Presidenti de su Consillu Provintziali, poita est un’atòbiu totu finantziau de s’Assessorau provintziali a s’imparu Pùbricu e a sa Cultura. Ddoi ant a essi 13 cuncorrentis chi ndi benint de arrealidadis diferentis de sa Provìntzia: tres trumbas, unu clarinetu, unu clarinetu bàsciu, tres flàutus, duus trumbonis, unu percussionista, una ghitarra, un’ arpa.
Is sonadoris ndi benint de Biddexidru, Banda e Scola de Mùsica, Seddori, Samassi e Mara. Dònnia cuncorrenti tenit de ses a dexi minudus de tempus po fai sa proa, chi at a essi fata ananti de una giuria intranatzionali, ca ndi fait parti Jo Conjartes s’olandesu, arreferenti po is Scuole di Musica Europee Convenzionate, de Karl Holzner s’austriacu e de Chiara Vidoni s’italiana. Is bincidoris ant a pigai 1800, 00 € de spendi po abarrai una cida in d-una scola de mùsica de unu Logu europeu, de arrasu bonu, po s’afunguramentu strumentali sighius de professoris calificaus medas. Totu su dinai serbit a poderai is spesas de su biaxi, su abarrai ingunis e is spesas po is letzionis.
S’atividadi, sa segundu in Sardìnnia, ma ùnica comenti a progetu a incuru de una provìntzia e ùnica in Itàlia, est po is sonadoris no professionistas chi funt nàscius o oberant in is Assòtzius musicalis de sa provìntzia. Su progetu ddu at pensau sa Banda de Biddexidru chi ndi sighit totu s’aparìciu. Su nùmeru de is chi pigant parti est prus mannu de ocannu passau e e funt de prus is chi ndi benint de logus stràngius. Custu fait cumprendi chi su sceberu est giustu e fait pensai a unu benidori bonu po is sonadoris no professionistas, no sceti po favoressi s’adelatamentu culturali insoru, ma puru cussa de is assòtzius de aundi ndi benint.

Risultati finali “Concorso per n.3 borse di studio “Sa Lingua de is Sonus” - la lingua dei suoni

Nella mattinata di martedì 8 dicembre 2009, nella Sala del Consiglio Provinciale, si sono svolte le prove del 2° concorso per n. 3 Borse di Studio “Sa lingua de is sonus – la lingua dei suoni - , realizzata col contributo dell’ Assessorato alla Cultura della Provincia del Medio Campidano.
Su 13 iscritti si sono presentati 12 concorrenti, che hanno sostenuto la prova di fronte ad una giuria internazionale, altamente qualificata, composta dall’olandese Jo Conjartes, referente presso le Scuole di Musica Europee Convenzionate, dall’austriaco Karl Holzner, e dall’italiana Chiara Vidoni. La direzione artistica è stata affidata al M° Marco Caboni, direttore della Banda di Villacidro. Il Concorso si è svolto dalle ore 9.00 alle ore 12.15. Alle 13.00 sono stati proclamati i tre vincitori.
I concorrenti provenienti da diverse realtà della provincia, avevano a disposizione un lasso di tempo variante da un minimo di 6 ad un massimo di 10 minuti. Si sono presentati 3 trombettisti, 1 clarinettista (clarinetto basso), 3 flautiste, 2 tromboniste ,1 percussionista, 1 chitarrista , 1 arpista.
I musicisti , tutti non professionisti, sono provenienti da Villacidro, Sanluri, Samassi, S. Gavino e Villamar. La gran parte di essi operano nelle associazioni musicali della provincia. Ogni concorrente ha avuto a disposizione dai sei ai dieci minuti di tempo per la prova.

Le tre borse sono state vinte da:
MELIS MARTINA, 15 anni, strumento trombone e tiro, col punteggio di 85.33/100. Residente a Villamar, studentessa al Conservatorio di Cagliari, ha fatto parte per diversi anni della Banda di Villamar,dove è cresciuta musicalmente, con cui ha fatto diversi concerti e ha partecipato a Concorsi nazionali ed internazionali. Attualmente collabora con la Banda “Città di Monserrato”.
BONOGLI GIUSEPPE NICOLO’ , 13 anni, strumento chitarra classica, col punteggio di 84.63/100. Vive e studia a Villacidro, è allievo del M° Gianluca Pitzalis, che insegna nella Scuola di Musica della Banda di Villacidro, e fa parte del gruppo d’insieme di chitarre “Cordas Orkestra” della Banda di Villacidro. Ha partecipato al Corso di approfondimento strumentale a Montarbu di Seui e ha sostenuto col gruppo a diversi concerti.
VACCA VERONICA, 25 anni, strumento arpa, col punteggio 83.50. Diplomata al Conservatorio di Cagliari, continua gli studi dello strumento a Milano. Vive a S. Gavino Monreale e collabora con la Banda “Lao Silesu” di Samassi. Ha partecipato a diversi concerti col complesso bandistico “Silesu” di Samassi e con altri gruppi musicali.
I tre vincitori nel settembre del 2010 saranno ospiti per una settimana di una Scuola di Musica europea per approfondire le tecniche strumentali e di interpretazione delle partiture musicali. La somma a disposizione per ciascun vincitore è di 1800 euro, con cui si farà fronte alle spese di viaggio, soggiorno e al costo della docenza specializzata. La Banda di Villacidro curerà l’attuazione del progetto. Al prof. Conjarts, in qualità di garante presso le scuole convenzionate, spetta la scelta del luogo dove mandare i musicisti vincitori, tenendo conto del loro livello di preparazione.
I Borsisti, al rientro, dopo lo stage di una settimana, dovranno tenere un concerto, in sede da definire, a dimostrazione del lavoro svolto e dei risultati ottenuti, come del resto recita il Bando di concorso.
L’iniziativa, la seconda in Sardegna, ma unica, anche in Italia, come progetto a carico di una provincia, è indirizzata ai musicisti non professionisti che sono nati o operano nelle Associazioni musicali del territorio provinciale. Si tratta di una borsa di studio singolare, in quanto nessun Ente Locale o pubblico si occupa di coloro che si dedicano nel tempo libero alla pratica musicale e che si adoperano per rendere valide le associazioni musicali nelle realtà del proprio paese, creando un punto di riferimento per tanti cittadini.
La presenza, nelle numerose associazioni musicali del territorio, di tanti giovani musicisti della provincia, che operano anche fuori dal territorio, di tanti talenti, ha spinto l’Assessorato alla Cultura a dare opportunità di studio anche per i volontari della cultura musicale creando incentivi per studiare e dando la possibilità di fare esperienza con docenti di livello alto.
Il numero dei partecipanti è cresciuto rispetto alla scorsa edizione e sono più numerosi i paesi di provenienza. Questo a significare che la scelta è valida e offre una buona occasione di studio ai musicisti non professionisti, non solo per favorire la loro crescita culturale ma anche quella delle associazioni di provenienza.
“Si tratta di un investimento utile e proficuo, sostengono gli organizzatori, in quanto va ad incentivare la qualità di un settore culturale importante e soprattutto ad incoraggiare quei musicisti che operano nelle diverse realtà territoriali, senza avere opportunità per migliorare la loro cultura. È una occasione per aprire queste verso l’Europa e avviare contatti e scambi interessanti con altre realtà musicali. L’iniziativa spinge i musicisti a misurarsi e a studiare per raggiunge un obiettivo. Dal nostro punto di vista hanno vinto tutti perché si sono messi in discussione di fronte ad altri ma soprattutto si sono impegnati per raggiungere un obiettivo, ottenendo il risultato di essere meglio preparati”.
Il progetto è stato proposto dalla Banda di Villacidro, che da anni dedica molto spazio alla formazione musicale, che ne cura tutta l’organizzazione e l’attuazione.

(Consulta la versione in Lingua Sarda)
Arresurtaus de acabu de su “Concorso per n.3 borse di studio “Sa Lingua de is Sonus” - la lingua dei suoni
cenàbara s’ùndixi de su mesi de Idas de su 2009 – BANDA MUSICALE SANTA CECILIA VILLACIDRO

Martis a mangianu, s’otu de su mesi de Idas de su 2009, in s’Aposentu de su Consillu Provintziali, nci fiant is proas de su segundu cuncursu po tres bussas de stùdiu “Sa lingua de is sonus – la lingua dei suoni, fata cun s’agiudu de s’Assessorau a sa Cultura de sa Provìntzia de su Campidanu de Mesu.
De 13 assentaus si-ndi funt presentaus in doxi sceti, chi ant fatu sa proa ananati de una giuria intranatzionali, calificada meda, ca ndi faiant parti Jo Conjartes s’olandesu, arreferenti de is Scuole di Musica Europee Convenzionate, Karl Holzner s’austriacu, e de Chiara Vidoni s’italiana. Sa dirigidura artìstica dda ant donada a Marco Caboni su M°, dirigidori de sa Banda de Biddexidru. Su Cuncursu ddu ant fatu de is noi de a mangianu a mesudii e mesu. A sa una de su meigama eus nomenau is tres bincidoris.
Is cuncorrentis ndi benint de arrealidadis diferentis de sa provìntzia, teniant a dispositzioni un tanti de tempus che mudàt de 6 a 10 minudus. Ddoi fiant 3 trumbetistas, 1 clarinetista (clarinetu bàsciu), 3 flautistas, 2 trumbonetistas, 1 percussionista, 1 ghitarrista, 1 arpista.
Is sonadoris, totus no professionistas, ndi benint de Biddexidru, Seddori, Samassi, Santu Aìngiu e Mara. Sa majoria de custu fait parti de assòtzius musicalis de sa provìntzia. Dònnia cuncorrenti teniat a dispositzioni de 6 a 10 minudus po fai sa proa

Is tres bussas ddas ant bintas:
• MELIS MARTINA, 15 annus, strumentu trumboni e tiru, cun d-unu puntègiu de 85.33/100. Bivit in Mara, studianti in su Conservatorio di Cagliari, at pigau parti po annus medas in sa Banda de Mara, aundi dda ant pesada de manera musicali, ca impari a issu at fatu cuntzertus medas e at pigau parti a Cuncursus natzionalis e intranatzionalis. Oindii sonat cun sa Banda “Città di Monserrato”.
• BONOGLI GIUSEPPE NICOLO’, 13 annus, strumentu ghitarra clàssica, cun d-unu puntègiu de 84.63/100. Bivit e studiat in Biddexidru, est scienti de Gianluca Pitzalis su M°, chi imparat in sa Scola de Mùsica de sa Banda de Biddexidru, e pigat parti a su truma de insieme de chitarra “Cordas Orkestra” de sa Banda de Biddexidru. At pigau parti a su Cursu de afunguramentu strumentali in Montarbu de Seui e at fatu cun sa truma cuntzertus medas”.
• VACCA VERONICA, 25 annus, strumentu arpa, cun d-unu puntègiu de 83.50. Diplomada in su Conservatorio di Cagliari, sighit a studiai su strumentu in Milano. Bivit in Santu Aìngiu e sonat cun sa Banda “Lao Silesu” de Samassi. At pigau parti a cuntzertus medas cun sua truma bandìstica “Silesu” de Samassi e cun àteras trumas musicalis.
Is tres bincidoris, in su Cabudanni 2010, ant a essi spidaus po una cida de sa Scola de Mùsica europea po afungurai is tènnicas strumentalis e de interpretatzioni de is partiduras musicalis. Su tanti de dinai a dispositzioni po dònnia bincidori est de 1800, 00 €, po poderai is spesas de biaxi, stentu e professoris. Sa Banda de Biddexidru at a tenni a incuru s’atividadi de su progetu. A Conjarts su professori, che a agaranti po is scolas cumbentzionadas, ddi spetat su sceberu de su logu aundi mandai is sonadoris bindicoris, aguantendi a notu s’arrasu de abilesa.
Is bussistas, a sa torrada, apustis de su stage de una cida, ant a depi fai unu cuntzertu, in logu de sceberai, che a amostu de sa faina fata e de is arresurtaus otènnius, comenti narat su Bandu de cuncursu.
S’atividadi, sa segundu in Sardìnnia, ma ùnica, finsas in Itàlia, comenti progetu de una Provìntzia, est po is sonadoris no professionistas chi funt nàscius o oberant in is Assòtzius musicalis de su territòriu provintziali. Est una bussa de stùdiu spetziali, ca nisciunu enti Locali o pùbricu pigat a incuru is chi in su tempus scàpiu sonant e chi faint de manera de agiudai is assòtzius musicalis de sa bidda insoru, faendi unu puntu de arreferimentu po tzitadinus medas.
Sa presèntzia, in assòtzius musicalis medas de su territòriu, de giòvunus medas sonadoris de sa provìntzia, chi oberant puru aforas de su territòriu, de bravus medas, at insullau s’Assessorau a sa Cultura a donai possibilidadis de stùdiu finsas a is bolontàrius de sa cultura musicali donendi agiudu po studiai e donendi sa possibilidadi de fai sperièntzias cun professoris de arrasu artu.
Su nùmeru de is chi pigant parti est amanniau faci a sa editzioni passada e funt sèmpiri de prus is logus de aundi ndi benint. Custu po nai chi su sceberu est balidu e oferrit una possibilidadi bona de stùdiu po is sonadoris no professionistas, no sceti po favoressi s’adelantamentu culturali ma finsas cuddu de is assòtzius insoru.
“Si tratta di un investimento utile e proficuo, sostengono gli organizzatori, in quanto va ad incentivare la qualità di un settore culturale importante e soprattutto ad incoraggiare quei musicisti che operano nelle diverse realtà territoriali, senza avere opportunità per migliorare la loro cultura. È una occasione per aprire queste verso l’Europa e avviare contatti e scambi interessanti con altre realtà musicali. L’iniziativa spinge i musicisti a misurarsi e a studiare per raggiunge un obiettivo. Dal nostro punto di vista hanno vinto tutti perché si sono messi in discussione di fronte ad altri ma soprattutto si sono impegnati per raggiungere un obiettivo, ottenendo il risultato di essere meglio preparati”.
Su progetu ddu at propònniu sa Banda de Biddexidru, chi de annus dedicat logu meda a sa formatzioni musicali, ca tenit a incuru totu s’aparìciu e s’atuatzioni.